Sabato 7 marzo

Sabato 7 marzo invece le giocatrici della Delta Informatica saranno al fianco di ANVOLT (Associazione Nazionale volontari lotta contro i tumori), onlus nata a Milano ma ora presente con ventinove delegazioni in tutta Italia e che da oltre trent’anni si occupa di aiutare i malati oncologici e i loro familiari, svolgendo anche un importante lavoro di ricerca, informazione e prevenzione.

Come ogni anno, in occasione della Festa della Donna (6-7-8 marzo), ANVOLT (0461/235543) organizza una “tre giorni” di visite di prevenzione gratuite dei tumori femminili (visite ginecologiche, senologiche e pap-test) in orari non-stop negli ambulatori di Trento (via della Prepositura, 32) e Rovereto (Corso Rosmini, 8).

La Delta Informatica Trentino Rosa è da alcune settimane divenuta testimonial dellassociazione. «Abbiamo subito dato il nostro sostegno alliniziativa di ANVOLT, è importante fare informazione e contribuire a diffondere una cultura della prevenzione contro queste malattie», spiega Morolli.

«Il mio motto? Non mollare mai», e quindi non stupisce che la giocatrice a cui si ispira Elisa sia Eleonora Lo Bianco, regista della Nazionale, richiamata da Bonitta allultimo minuto per disputare i Mondiali del 2014 in seguito allinfortunio di Francesca Ferretti (lItalia è arrivata quarta dopo aver disputato un torneo eccezionale, ndr).

«Sì, nel mio ruolo lei è la più forte, per lei era il quinto Mondiale e uno lo ha vinto nel 2002, poi mi è sempre piaciuta anche Ljuba Kilic (schiacciatrice russa che nel 2005 conquistò la Coppa campioni con la Foppapedretti Bergamo, ndr), ho scelto il numero 5 perché lo portava lei».

Dopo la trasferta a Rovigo di domenica 8 marzo, mercoledì 11 a  Sanbàpolis arriva Pavia Volley: «Sì, giochiamo alle 20.30 e per le donne lingresso sarà gratuito, un modo per festeggiare insieme la Festa della Donna anche se con qualche giorno di ritardo. Sarà una settimana intensa che si concluderà domenica prossima con la partita contro Filottrano, una squadra che pur essendo ultima in classifica ha battuto al tie-break Bolzano, quindi dovremo stare molto attente e non sottovalutarle».

Il tempo è finito, Elisa deve andare allallenamento. Di lei colpisce lapproccio positivo, il saper prendere ogni cosa per il verso giusto, condendo tutto con genuino entusiasmo e trasmettendo una serenità invidiabile. La forza di unatleta la riconosci da queste attitudini.

Se un giorno lalzatrice avrà una squadra sua da gestire, la saprà dirigere bene anche perché ha sperimentato la panchina vivendola come parte di un percorso che aiuta a maturare umanamente, arricchendo il bagaglio emotivo ancor prima che tecnico.

promuovere salute e 3 omega 3

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *